Aspirazione macerie con escavatore a risucchio

ASPIRAZIONE MACERIE CON ESCAVATORE A RISUCCHIO

ASPIRAZIONE MACERIE, APPROCCI, ANALISI COSTI, VANTAGGI

Le ristrutturazioni, anche grazie ai vari decreti che mettono a disposizione sgravi e contributi stanno diventando un’importante forma di investimento per i proprietari di immobili vetusti, ma anche di costruzione risalente agli ultimi 30 anni del secolo passato.

Questi immobili, con interventi mirati ed abbastanza contenuti, permettono di recuperare le classi energetiche necessarie a richiedere ed ottenere il contributo statale.

Molti di questi immobili si localizzano nei centri storici delle nostre città o nelle periferie di queste ultime, spesso contestualizzati in unità immobiliari all’interno di palazzi, ai piani più elevati.

La ristrutturazione passa attraverso una demolizione selettiva delle strutture esistenti, riconducibili a muri, tramezzi, controsoffitti e la rimozione di serramenti, vecchi rivestimenti ed altro.

Spesso, con l’occhio puntato al risultato finale della ristrutturazione, si perde di vista l’importanza della fase antecedente, la demolizione. Questa fase, se non viene bene progettata, genera costi imprevisti e problematiche riconducibili all’ allungamento dei tempi di intervento successivi.

Il lavoro di demolizione genera inoltre una grande quantità di macerie in loco che vanno in seguito raggruppate ed avviate al recupero nei centri di raccolta specializzati.

Il lavoro di raggruppamento delle macerie demolite viene spesso eseguito manualmente con utilizzo di mezzi manuali come carriole, che vengono caricate col badile dagli operatori.

Le carriole stesse, dopo un percorso nei locali del cantiere, vengono scaricate su cassoni parcheggiati fuori dal cantiere, con tutte le difficoltà legate alla disponibilità di spazio ed alla produzione di polvere che vengono generate, soprattutto laddove vengano usati i tubi di caricamento che scaricano le macerie dall’alto.

Aspirazione macerie, la soluzione alle problematiche di movimentazione

Tutte queste operazioni connesse alla movimentazione delle macerie generano alcune problematiche in cantiere tra cui:

  1. necessità di molta e costosa manodopera
  2. lunghi lavori di spostamento materiali con rischi di infortuni ed incidenti
  3. necessità di spazio al di fuori del cantiere.

A volte (soprattutto nei centri storici) gli spazi per il posizionamento dei cassoni esterni non esistono.

Inoltre, quando si opera ai pianti alti ci si scontra con la problematica dell’impossibilità ad usare gli ascensori e la difficoltà all’utilizzo dei tubi di scarico delle macerie, a volta vietati da alcuni piani regolatori.

Ecco che in questo caso la movimentazione dei calcinacci genera le seguenti complicazioni:

  1. allungamento dei tempi di demolizione con ritardi nella chiusura dei lavori
  2. incremento dei costi legati alle demolizioni
  3. possibilità di incappare in sanzioni legati ad errate pratiche operative degli operai in cantiere.

Escavatore a risucchio, lo strumento per l’aspirazione dei calcinacci

Fino a non molto tempo fa non esistevano soluzioni concrete a questo problema, ma oggi, grazie al mezzo denominato “escavatore a risucchio” questi interventi possono essere svolti con la massima velocità e con il minimo dispendio di personale e lavoro. Vediamo in seguito come opera il mezzo e come risolve le problematiche precedentemente enunciate.

L’escavatore è risucchio è un mezzo speciale, dotato di una coppia di turbine in grado di:

-aspirare qualsiasi materiale e quindi in grado di aspirare macerie di dimensioni fino a 20 cm di diametro geometrico e fino a 8 kg di peso

-provvedere all’aspirazione delle macerie ad una distanza di oltre 100 metri dal luogo in cui è posizionato il mezzo aspirante

-garantire l’aspirazione delle macerie fino ad un dislivello di 30 metri dal luogo di parcheggio del mezzo. 

Traducendo questi tre punti in operatività di cantiere significa che:

  • il mezzo può essere parcheggiato in un raggio di 100 metri dal luogo di lavoro effettivo, e quindi arrivare anche ai cantieri più inaccessibili ai mezzi tradizionali.
  • la bocca di risucchio può operare fino al settimo piano in altezza e al terzo piano interrato
  • da questi luoghi si possono aspirare macerie al ritmo di circa 10metri cubi /ora, garantendo un rapido svuotamento di qualsiasi cantiere.
  • Tutte queste operazioni possono essere svolte da soli tre uomini in cantiere (un operatore a terra e due operatori a comandare la bocca) con l’ausilio di una scala di supporto per il posizionamento delle attrezzature, qualora il cantiere si trovi ai piani alti.

Per tutti questi motivi l’aspirazione delle macerie col mezzo a risucchio sta diventando una prassi utilizzatissima nei cantieri moderni.

Aspirazione macerie, prima e dopo

Tabella di riepilogo cantieri che necessitano di aspirazione macerie co escavatore a risucchio

CantiereProblemaSoluzione aspirazione macerie con escavatore a risucchio
CANTIERE AI PIANI ALTIAllungamento tempi di lavoro manuale e problemi per scarico dall’alto calcinacciEscavatore arriva a 30 metri di dislivello
CANTIERE IN CENTRO STORICOImpossibilità a consegnare cassoniEscavatore non richiede cassoni
CANTIERE AI PIANI INTERRATIAllungamento tempi di lavoro manuale e problemi per risalita verso l’alto dei calcinacciEscavatore arriva a 30 metri di dislivello
CANTIERE IN LUOGHI NON RAGGIUNGIBILI CON MEZZITempi di spostamento dei materiali che si dilatano notevolmenteEscavatore può allungare tubi fino a 100 metri di distanza

Comparazione sistemi di sgombero macerie

Eseguiamo ora un’analisi comparativa dei costi per verificarne la convenienza economica dell’aspirazione macerie con escavatore a risucchio.

La normale movimentazioni di circa 20 metri cubi di macerie da un cantiere richiede almeno due operatori che caricano con il badile la carriola che contiene circa 125 litri di macerie, guidata da un terzo ed un quarto operatore che si danno il cambio.

Servono quindi circa 8 carriole di materiale per fare un metro cubo.

Tale materiale deve essere poi spostato verso il luogo di scarico/accumulo.

Eseguendo prove sul campo e possibile riassumere che per movimentare 10 metri cubi gli operatori impiegano circa 4 ore di lavoro (continuo)

Per movimentare i 20 metri cubi di macerie è necessaria un’intera giornata di lavoro di quattro operatori, senza pause. Ovvio che poi la stanchezza e le condizioni di lavoro renderanno inevitabili rallentamenti che sposteranno parte del lavoro al giorno successivo. Vanno quindi messe in conto almeno ulteriori due ore di lavoro degli operatori il giorno successivo.

Inoltre qualora ci fossero da prevedere distanze maggiori o dislivelli importanti il lavoro si allungherebbe notevolmente.

L’escavatore, al ritmo di 10 mc/ora, una volta messo in opera è in grado di svolgere in 2 ore il lavoro di aspirazione macerie che gli operatori svolgono in una giornata piena di lavoro (senza soste).

Considerando che l’escavatore necessita di un’ora per la messa in funzione e di un’ora per eseguire due svuotamenti, si nota che il mezzo riesce in 4 ore ad aspirare le macerie che vengono movimentate manualmente da quattro operatori in più di una giornata.

L’efficienza di lavoro è quindi più che doppia (coefficiente circa 2,5) in condizioni ottimali per il lavoro manuale. Se le condizioni di lavoro del cantiere peggiorano l’efficienza dell’escavatore a risucchio nell’aspirazione macerie, rispetto al lavoro manale triplica ed a volte quadruplica repentinamente.

Analisi comparativa con escavatore a risucchio considerando anche gli oneri accessori

Esaminiamo ora i costi accessori per l’aspirazione macerie confrontandoli con i costi accessori che intervengono per la rimozione manuale.

I costi accessori riguardano il pagamento dell’occupazione del suolo pubblico di una giornata ed i costi di avvio a recupero del materiale rimosso.

Gli stessi costi di recupero del materiale rimosso ricadrebbero anche nel caso del servizio fatto con i normali cassoni di smaltimento rifiuti, ma in questo caso gli oneri per l’occupazione del suolo pubblico sarebbero maggiori, in quanto si necessiterebbe di almeno tre giorni di posizionamento del cassone (arrivo il giorno prima del lavoro, presenza il giorno del lavoro e il giorno dopo per il completamento e poi lo svuotamento).

Inoltre a questo andrebbero aggiunti gli oneri normalmente richiesti dal trasportatore dei rifiuti per la pre-consegna del cassone vuoto.

Tabella di riepilogo costi

SERVIZIO MOVIMENTAZIONE 20 MCMOVIMENTAZIONE MANUALEASPIRAZIONE A RISUCCHIO
Movimentazione macerie operatori4 operatori 🙁3 operatori 🙂
Movimentazione macerie tempo10 ore 🙁2 ore+ 2 allestimento 🙂
Movimentazione macerie con dislivello (piani)+ 2 operatori a piano 🙁
+6 ore
Invariato 🙂
Nolo cassoneTre giorni 🙁Non necessario 🙂
Occupazione suolo pubblicoTre giorni 🙁1 giorno 🙂
Avvio a recupero/smaltimento calcinacciA peso 😐A peso 😐
Costi posizionamento/ritiro cassoniUn posizionamento 🙁Nessuno 🙂

Tutto ciò premesso risulta evidente che il servizio di aspirazione macerie con escavatore a risucchio è:

  1. un servizio fondamentale ed insostituibile in determinate circostanze operative ed in determinati luoghi;
  2. un servizio è più conveniente del normale servizio manuale, anche laddove le condizioni del cantiere non obblighino alla scelta dell’escavatore a risucchio.

L’escavatore a risucchio poi trova ulteriori innumerevoli applicazioni che esamineremo in futuro in altri post e approfondimenti e che potete trovare sulla pagina you tube di MInchio Mariano SRL.

Se avete necessità di aspirare macerie e volete ricevere un preventivo, contattate Minchio Mariano srl.ai contatti della pagina

Eseguiremo un sopralluogo e vi potremo fornire tutte le indicazioni e le delucidazioni in merito.

Operiamo in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lombardia, Trentino ed Alto Adige.

Vuoi saperne di più?

Se desideri maggiori informazioni non esitare, contattaci, ti risponderemo al più presto.

Vuoi esprimere il tuo giudizio su di noi?

Esprimi il tuo giudizio su di noi! Ne abbiamo bisogno! 10 secondi del tuo tempo per migliorare il nostro servizio.

2 risposte

  1. Buongiorno.
    Devo eseguire delle demolizioni (tramezzature in laterizio, rivestimenti in piastrelle, tracce su laterizio) su un appartamento situato al terzo piano su un complesso in centro a Treviso, via Canova. L’appartamento è dotato di una porta finestra con terrazzino che da su via pubblica con parcheggio, dove è possibile posizionare i mezzi. La quantità stimata è di circa 15 mc.
    Avrei bisogno di un preventivo per lo smaltimento delle macerie con aspirazione.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy