Mud 2021 e qualche informazione ulteriore

Mud 2021 e qualche informazione ulteriore

Aggiornamento del 17/02/2021

Gentile lettore, come ogni anno siamo a comunicare che la campagna MUD 2021 sta per entrare nel vivo con la raccolta dei dati relativi ai rifiuti 2020 per la successiva stesura del modello e presentazione alla CCIAA.

Nel supplemento ordinario della gazzetta ufficiale n. 39 del 16/02/2021 è stato pubblicato il decreto, che alleghiamo in cui viene approvato il modello e definite le modalità di presentazione.

Scadenza MUD 2021

La scadenza è decretata al 16 Giugno 2021. (In base all’articolo 6 comma 2-bis della Legge 25 gennaio 1994 n. 70, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione e quindi al 16 giugno 2021.)

Entro il 30 marzo tutte le quarte copie dei formulari 2020 potranno arrivare ai produttori per l’elaborazione definitiva dei dati e la relativa compilazione del modello.

SOFTWARE DI COMPILAZIONE MUD 2021

Alla data odierna non è ancora stato pubblicato il software per la compilazione ufficiale del modello [modifica del 26_02_2021: software disponibile da oggi alla pagina https://www.mudtelematico.it/Home/Software.]

Alla pagina https://www.mudtelematico.it/  da dove è possibile scaricare il software ufficiale in autonomia, attualmente riportano che la data di uscita del nuovo modello è fissata per la prima settimana di febbraio.

Come è a tutti evidente il ritardo attuale è di circa una settimana.

Anche in questo caso sarà nostra cura aggiornare il presente articolo nel momento stesso in cui il software sia reso disponibile dal sito ufficiale.

CHI E’ TENUTO ALLA PRESENTAZIONE DEL MODELLO MUD 2021

L’allegato decreto elenca a pagina 4 i soggetti obbligati e i soggetti esonerati alla pubblicazione.

Riassumendo sono tenuti alla presentazione:

1)trasportatori, commercianti, intermediari, recuperatori e smaltitori di rifiuti.

2)produttori di rifiuti pericolosi, indipendentemente dalla quantità e dal numero di lavoratori

3) Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g) del D.lgs.152/2006 che hanno più di dieci dipendenti (vedi nota 1).

[ nota 1.
c) i rifiuti da lavorazioni industriali, fatto salvo quantoprevisto dall’articolo 185, comma 1, lettera i);
d) i rifiuti da lavorazioni artigianali;
g) i rifiuti derivanti dalla attivita’ di recupero e smaltimentodi rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;]

Ciascun soggetto presenta una dichiarazione per ciascuna unità locale in cui sono stati movimentati i rifiuti oggetto di dichiarazione

PRESENTAZIONE DEL MODELLO MUD 2021

L’unica modalità di presentazione ammessa per i modelli è quella telematica da effettuale attraverso il portale di MUD telematico direttamente dal soggetto che presenta la dichiarazione o da parte di un soggetto delegato.

In alternativa è possibile presentare il modello semplificato via posta elettronica certificata solo per  i Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali e conferiscono i rifiuti in Italia.

DIRITTI DI SEGRETERIA

La presentazione telematica richiede il pagamento di 10 euro di diritti di segreteria per ciascuna dichiarazione presentata.

Il pagamento viene effettuato direttamente dal dichiarante al momento della presentazione o per il tramite del soggetto delegato.

CAMPAGNA MUD 2021 DI MINCHIO MARIANO SRL

Come ogni anno Minchio Mariano SRL curerà la presentazione dei MUD dei soggetti che ne facciano esplicita richiesta.

Nei giorni scorsi è già stata trasmessa una mail dalla sede centrale in cui è stato chiesto di trasmettere il foglio di adesione alla campagna di raccolta dati.

Nel corso del mese di marzo un nostro incaricato si attiverà per la raccolta dei dati dei rifiuti 2020 da elaborare.

Compatibilmente con le esigenze legate anche alla pandemia in corso potrà essere fissato un incontro in sede da voi per raccogliere i dati o verranno richiesti i dati via mail o altri canali informatici.

Nel corso del mese successivo i dati saranno elaborati dai nostri esperti e vi verrà trasmessa la bozza del modello da presentare.

Ad accettazione da parte vostra della bozza trasmessa vi verrà inviata la versione definitiva e vi verrà chiesto di formalizzare la delega di presentazione.

Entro la data prevista Minchio Mariano SRL presenterà per conto Vostro il MUD 2021 e vi verrà resa dopo qualche giorno la ricevuta di avvenuta presentazione del modello alla CCIAA competente.

NOTIZIE SUPPLEMENTARI E SANZIONI

Il MUD 2021, come gli anni passati, ha esclusivamente finalità statistiche e con i dati del MUD l’ISPRA è in grado di eseguire le statistiche e le valutazioni in merito alla produzione e gestione dei rifiuti in Italia

Non può essere utilizzato da parte degli enti di polizia giudiziaria come strumento di controllo dei rifiuti in azienda, per i quali l’unico documento che fa fede è il registro di carico scarico dei rifiuti.

Confidiamo quindi nella massima attenzione da parte di tutti i produttori dei rifiuti per la corretta compilazione dei registri in termini di contenuti e di tempi di compilazione.

In caso di dubbi, non esitate a contattarci. Il nostro ufficio consulenze vi darà le indicazioni necessarie e potrà fornire formazione specifica in merito alla compilazione e la tenuta dei registri di carico e scarico rifiuti.

Per quanto riguarda il MUD 2021 le sanzioni sono legate alla presentazione in ritardo o la mancata presentazione riportate nell’articolo 258 comma 1 del d. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni che riportiamo di seguito:

“Ai sensi dell’art. 258 comma 1 del decreto legislativo n. 152 del 2006, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo n. 205 del 2010, sono puniti: “1. I soggetti di cui all’articolo 189, comma 3, che non effettuino la comunicazione ivi prescritta ovvero la effettuino in modo incompleto o inesatto sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da duemilaseicento euro a quindicimilacinquecento euro;se la comunicazione è effettuata entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine stabilito ai sensi della legge 25 gennaio 1994, n. 70, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da ventisei euro a centosessanta euro”.

Vuoi saperne di più?

Se desideri maggiori informazioni non esitare, contattaci, ti risponderemo al più presto.

Vuoi esprimere il tuo giudizio su di noi?

Esprimi il tuo giudizio su di noi! Ne abbiamo bisogno! 10 secondi del tuo tempo per migliorare il nostro servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy